Alessandro Valeri

Vive a Roma e lavora nel suo studio al Pastificio Cerere, e varie residenze, in nomadismo creativo.
Si è formato presso l’Istituto di Stato per la cinematografia e televisione Roberto Rossellini e il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma.
La sua ricerca lo ha portato su un percorso avventuroso tra materiali e tecniche diverse – installazione, fotografia, pubblicità, video, pittura, disegno, scrittura – con un’attenzione critica nei confronti della realtà che di volta in volta indaga, individuandone chiusure, criticità, degenerazioni, mistificazioni e interdizioni concrete che si incontrano e che non avrebbero motivo di esistere.
Il suo lavoro nasce da un desiderio di partecipazione e condivisione creativa e sociale che porti un cambiamento nella coscienza individuale e poi collettiva.


Tra le principali mostre: “apparato inconcreto” MACRO ASILO, Roma (2019); “Y MAN” SU gallery, Roma (2019); “Atelier #3” MACRO ASILO, Roma (2019); “Next Stop” Videocittà, Guido Reni MAXXI american Accademy (2018 Roma); “Una sola possibilità” museo MACRO, Roma (2017); “L’instabilità degli oggetti” Bologna Artefiera (2017); “Lasciami entrare” museo MACRO Roma (2016); “SEPPHORIS” 56° Biennale di Venezia (2015); “Stai con me” Medio Area Gallery (2014); “Panorama” museo PAN Napoli (2013); “Circo” Galleria Il Ponte Contemporanea, Roma (2013); “Elettroshot” Cartiere Binda-Milano, by Achille Bonito Oliva (2012/11); “Da un’intuizione teorica”, by Achille Bonito Oliva, Palazzo Reale Milano (2011/10); “Progetto Oreste”, 48° Biennale di Venezia (1999); “Campagna d’Italia”, Palazzo delle Esposizioni di Roma, by Achille Bonito Oliva (1995)

Ha espresso la sua ispirazione artistica anche nell’ambito della comunicazione pubblicitaria e sociale, firmando campagne per i maggiori brand nazionali ed internazionali e vincendo alcuni tra i più importanti premi del settore.